Voce media La Voce del Popolo Radio Voce Voce Media Store Voce Media Pubblicita Voce Sas Voce Media Tv
La radio che vuoi tu Intrattenimento Informazione Chiesa Sport Streaming Podcast

Fotografia


Partner
Meteo Passione

Chiesa |  12 May 2014
L'esperienza dei Fidei Donum
intervista a don Carlo Tartari
di Betty Cattaneo con Luciano Zanardini

L’enciclica Fidei Donum di papa Pio XII creò l’omonima tipologia di invio missionario da parte della chiesa cattolica nel 1957.
Per estensione sono detti “Fidei donum” i presbiteri, i diaconi ed i laici diocesani che vengono inviati a realizzare un servizio temporaneo (da 3 a15 anni, normalmente) in un territorio di missione dove già esista una diocesi, con una convenzione stipulata tra il vescovo che invia e quello che riceve ed il missionario stesso.Un’esperienza che nella nostra diocesi ha una bella e importante storia nata 50 anni fa con la missione di Kiremba in Burundi e poi in Brasile. Un’esperienza che tuttavia risente del generale calo delle vocazioni e che oggi ha bisogno di essere rinnovata, ad esempio con un fruttuoso scambio con le giovani Chiese. Per questo al termine della Messa crismale del giovedi santo, che riunisce in cattedrale tutti i presbiteri e i diaconi intorno al vescovo, mons.Luciano Monari ha rivolto un appello al clero bresciano.Intervista a don Carlo Tartari, direttore dell'Ufficio per le missioni.